RE-PROFILING EMERGENCY MEDICAL SERVICES IN GREECE

L’ORGANIZZAZIONE MONDIALE DELLA SANITÀ SCEGLIE IL MODELLO-PUGLIA

PER LA RIFORMA DEL SISTEMA SANITARIO GRECO

L’Organizzazione Mondiale della Sanità ha individuato il Sistema Sanitario della Regione Puglia come modello potenzialmente idoneo ad essere trasferito ai fini dell’auspicata riforma del Sistema Sanitario Greco. Per permettere questo processo virtuoso, la Puglia, per il tramite dell’Agenzia Regionale Sanitaria - AReSS, ha accolto, nelle scorse settimane, la “study visit” di una delegazione di professionisti della Sanità greca interessati ad approfondire la conoscenza delle nostre strutture sanitarie, l’organizzazione dei servizi territoriali e del complessivo Sistema Sanitario alla luce delle recenti riforme.

La  study visit ha avuto luogo nelle giornate del 27, 28 e 29 novembre u.s. e ha ospitato una delegazione composta da due rappresentanti dell’Organizzazione Mondiale della Sanità e tre medici membri del Governo greco, accompagnati dalla dott.ssa Francesca Avolio, Responsabile del Settore Internazionalizzazione e Relazioni con la UE dell’ AReSS Puglia.

Le giornate di studio hanno preso il via con la presentazione del modello organizzativo della Sanità pugliese illustrato dal dott. Giovanni Gorgoni, Commissario Straordinario dell’AReSS Puglia. Gli ospiti hanno poi avuto modo di visitare diverse strutture sanitarie che ad oggi maggiormente rispecchiano il modello Puglia già rinnovato.

Numerosi i casi esemplari oggetto delle visite di studio: il Policlinico di Bari con il modello organizzativo del Dipartimento di Emergenza Urgenza presentato dalla Dirigente, dott.ssa Rosa Melodia, e il servizio di Telecardiologia presentato dal Direttore Ottavio Dicillo; la ASL BT con il modello organizzativo del Dipartimento di Emergenza Urgenza dell’Ospedale Dimiccoli di Barletta presentato dal dirigente dott. Cosimo Cannito; il San Nicola Pellegrino di Trani presentato dal Direttore dott. Aldo Leo; un esempio di gestione dell'Emergenza in un ospedale privato accreditato, l'Ospedale Generale Regionale “F. Miulli” di Acquaviva delle Fonti presentato dal Direttore del Dipartimento di Emergenza  dott. Domenico Argentieri; la ASL Taranto con l’outpatient clinics Integrated Health Community Centers - Massafra presentata da Direttore di Distretto dott. Gregorio Colacicco; la ASL Brindisi con il servizio di Telemedicina e la gestione remota dei pazienti presentata dal Direttore di Distretto dott Franco Galasso.

L’innovazione tecnologica e la telemedicina sono stati considerati strategici nella scelta dei casi di studio poiché, se applicati anche in Grecia, potranno ovviare alla carenza dei servizi nelle zone rurali e periferiche dove ancora, purtroppo, non sono garantiti adeguati standard sanitari alla popolazione.

Il successo della visita della delegazione greca rappresenta la continuazione di un percorso avviato a gennaio 2017 quando la nostra Regione è stata contattata dalla Organizzazione Mondiale della Sanità che, per conto della Commissione Europea fornisce assistenza tecnica allo Stato Greco nella definizione di un modello sostenibile di  riforma del Sistema Sanitario. La Puglia, virtuosa per le riforme del Sistema Salute e, contemporaneamente, più similare per contesto geopolitico alla Grecia, è stata individuata come la più idonea a realizzare il trasferimento di buone pratiche.

Il primo step di questo gemellaggio ha visto la elaborazione, ad opera dell’AReSS Puglia, di un Rapporto sullo stato dell’arte del Sistema Sanitario greco con particolare riferimento ai punti di debolezza riscontrati nel sistema dell’emergenza, della medicina sul territorio, e della rete ospedaliera, attraverso una verifica sul campo delle strutture e incontri mirati con gli Stakeholder più rappresentativi, proponendo una possibile rivisitazione del sistema di erogazione delle cure basato su un modello di assistenza sostenibile, di qualità, sicuro, all’altezza degli standard medi europei.

La study visit  ha infine aggiunto un importante tassello al trasferimento di buone pratiche, dando la possibilità ai rappresentanti del Governo greco di vedere direttamente sul campo come sono organizzati i nostri Dipartimenti dell’Emergenza (pubblici e privati accreditati), i Presidi Territoriali Assistenziali (PTA), i Centri Polifunzionali Territoriali (CPT), i nostri servizi di telemedicina e monitoraggio remoto, attraverso casi che, ad oggi, risultano essere tra i più maturi.

La collaborazione avviata potrà trovare seguito attraverso una comune strategia per il reperimento di importanti risorse che consentano di proseguire sulla strada dell’innovazione, anche attraverso prossime candidature a bandi Interreg Italia-Grecia. 

Per ulteriori informazioni è possibile visitare il sito internet della Organizzazione Mondiale della Sanità al seguente link:

http://www.euro.who.int/en/countries/greece/news/news/2017/12/greece-and-italy-exchange-experiences-on-organization-of-health-services

Data di pubblicazione:

21/12/2017

Ultimo aggiornamento:

08/01/2018