Vaccini non autorizzati dall'EMA somministrati all'estero: indicazioni per la dose di richiamo

Secondo le indicazioni della circolare del Ministero della Salute del 4 novembre 2021 le persone che si sono vaccinate all’estero con un vaccino non autorizzato dall’Agenzia europea per i medicinali (EMA) possono ricevere una dose di richiamo con vaccino a m-RNA (Comirnaty di Pfizer/BioNTech o Spikevax di Moderna) dopo 28 giorni e fino a un massimo di 180 (6 mesi) dal completamento del ciclo primario.

Il completamento di questo ciclo vaccinale integrato è riconosciuto come equivalente.

 

Trascorsi i 6 mesi dal completamento del ciclo primario con vaccino non autorizzato o in caso di mancato completamento dello stesso, è possibile procedere con un nuovo ciclo vaccinale primario completo da effettuarsi con vaccino a m-RNA.

 

 

Fonte: Portale regione Puglia

Inserito da :

Redazione regionale PugliaSalute

Data di pubblicazione:

09/11/2021

Ultimo aggiornamento:

09/11/2021