Strutture Sociosanitarie residenziali e semiresidenziali

Strutture Sociosanitarie residenziali

 

La Residenza Sanitaria Assistenziale (RSA) per soggetti non autosufficienti (R.R. n. 4/2019) è istituita al fine di semplificare e rendere agevole l’accesso di persone non autosufficienti in strutture residenziali extra-ospedaliere e poter fruire di prestazioni socio-sanitarie, assistenziali, socio-riabilitative e tutelari. La RSA per soggetti non autosufficienti è articolata in:

a) RSA estensiva (anziani e demenze);

b) RSA di mantenimento (anziani e demenze).


La Residenza Sanitaria Assistenziale (RSA) per disabili (R.R. n. 5/2019) è istituita al fine di semplificare e rendere agevole l’accesso di persone disabili in strutture residenziali extra-ospedaliere e poter fruire di prestazioni socio-sanitarie, assistenziali, socio-riabilitative e tutelari.

La RSA disabili eroga prestazioni in nuclei specializzati (nucleo di assistenza residenziale di mantenimento) a persone con disabilità fisiche, psichiche e sensoriali stabilizzate.

 

Accordi contrattuali delle Residenze Sanitarie e Socio Sanitarie

 

 

Strutture Sociosanitarie semiresidenziali 

 

Il centro diurno per soggetti non autosufficienti (R.R. n. 4/2019) è una struttura socio-sanitaria a ciclo diurno finalizzata all’accoglienza di soggetti in condizione di non autosufficienza, che per il loro declino cognitivo e funzionale esprimono bisogni non adeguatamente gestibili a domicilio per l’intero arco della giornata.


Il centro diurno socioeducativo e riabilitativo per disabili (R.R. n. 5/2019) è una struttura socio-sanitaria a ciclo diurno finalizzata al recupero e al mantenimento delle abilità funzionali residue e dei livelli di autonomia della persona e al sostegno della famiglia.

Il centro è destinato a soggetti con disabilità fisiche, psichiche e sensoriali stabilizzate, con notevole compromissione delle autonomie funzionali, che necessitano di prestazioni riabilitative di carattere sociosanitario.


Le procedure di ammissione e dimissione, nelle strutture sopra specificate, sono effettuate nel rispetto della normativa regionale (dei R.R. n.4 e 5/2019 e della DGR n. 691/2011) recepita dalla ASL di Lecce con delibera D.G. n. 2005 del 05/12/2013 "Regolamento aziendale per l'accesso ai servizi territoriali ed alla rete integrata dei servizi socio-sanitari - adozione".

 

L'accesso nelle Strutture Sociosanitarie residenziali e semiresidenziali, dei pazienti residenti nell’ambito territoriale della ASL, avviene a cura del Distretto Socio Sanitario competente per residenza previa richiesta all'uffico P.U.A. (Porta Unica d'Accesso) e previa  valutazione da parte dell’Unità di Valutazione Multidimensionale (U.V.M.) da cui devono emergere, come fattori determinanti della scelta, il grado di non autosufficienza e l'impossibilità, anche temporanea, dell'utente ad usufruire di altre forme di assistenza, quali l'assistenza domiciliare che ne consenta la permanenza al proprio domicilio.

 

Di seguito si riportano le strutture accreditate e titolari di accordo contrattuale con l’Asl Lecce ai sensi della L.R. n. 9/2017.

 

Accordi contrattuali stipulati con le Strutture Socio Sanitarie residenziali e semiresidenziali

 

Aggiornamento: 22 marzo 2024

Documenti e Modulistica